Bando Agrivoltaico: oltre 1 miliardo di euro a fondo perduto per gli impianti agrivoltaici

Bando aperto

Bando Agrivoltaico: stanziati 1 miliardo e 98 milioni di euro a fondo perduto per realizzare impianti fotovoltaici in Agricoltura

I fondi stanziati a valere sul PNRR dal Bando Agrivoltaico 2024, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ha l’obiettivo di sostenere la realizzazione di sistemi agrivoltaici di natura sperimentale, cioè impianti che adottano congiuntamente:

  1. soluzioni integrate innovative con montaggio di moduli fotovoltaici elevati da terra, installate su terreni dedicati all’agricoltura e/o alle attività zootecniche, che non compromettano la continuità della coltivazione agricola e pastorale;
  2. sistemi di monitoraggio che consentano di verificare l’impatto dell’installazione fotovoltaica sulle colture, il risparmio idrico, la produttività agricola e la continuità delle attività delle aziende agricole interessate.

Chi sono i beneficiari del bando Agrivoltaico?

Possono presentare domanda di contributo:

  • gli imprenditori agricoli in forma individuale o societaria, anche cooperativa, come definiti dall’art. 2135 cod. civ.
  • società agricole come definite dal decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99
  • cooperative agricole che svolgono attività di cui all’art. 2135 cod. civ.
  • consorzi costituiti tra due o più imprenditori agricoli e/o società agricole
  • cooperative o loro consorzi di cui all’art. 1 co. 2 d. lgs. 18 maggio 2001, n. 228
  • Associazioni Temporanee di Imprese (ATI) di imprese agricole
  • altre ATI che comprendano almeno uno dei soggetti precedenti

Sono esclusi dal bando i soggetti esonerati dalla tenuta della contabilità IVA, aventi un volume di affari annuo inferiore a euro 7.000.

Quali sono le spese ammissibili per il bando Agrivoltaico?

Accedono agli incentivi previsti dal Bando Agrivoltaico le spese inerenti:

  • la realizzazione di impianti agrivoltaici avanzati (moduli fotovoltaici, inverter strutture per il montaggio dei moduli, sistemi elettromeccanici di orientamento moduli, componentistica elettrica)
  • fornitura e posa in opera dei sistemi di accumulo
  • attrezzature per il sistema di monitoraggio, inclusa l’acquisizione di programmi informativi funzionali alla gestione dell’impianto
  • connessione alla rete elettrica nazionale
  • opere edili strettamente necessarie alla realizzazione dell’intervento
  • acquisto, trasporto e installazione macchinari, impianti e attrezzature hardware e software, comprese le spese per la loro installazione e messa in esercizio
  • studi di prefattibilità e spese necessarie per attività preliminari
  • progettazioni, indagini geologiche e geotecniche per la definizione progettuale dell’opera
  • direzione lavori, sicurezza, assistenza giornaliera e contabilità lavori
  • collaudi tecnici e/o tecnico-amministrativi, consulenze e/o supporto tecnico-amministrativo

Entità dell’agevolazione e regimi di aiuto

Il bando Agrivoltaico permette di accedere a incentivi composti da:

  • un contributo a fondo perduto nella misura massima del 40% dei costi ammissibili
  • una tariffa incentivante applicata alla produzione di energia elettrica netta immessa in rete.

Il contributo a fondo perduto verrà erogato al termine dell’intervento, dopo la comunicazione di entrata in esercizio dell’impianto agrivoltaico e la presentazione dei titoli di spesa sostenuta e della documentazione tecnica richiesta dal Bando Agrivoltaico.

Caratteristiche del sistema agrivoltaico e modalità di partecipazione

  1. Non è consentito l’accesso agli incentivi agli impianti che hanno iniziato i lavori di realizzazione prima di aver presentato domanda
  2. La superficie minima destinata all’attività agricola deve essere pari almeno al 70% della superficie totale del sistema agrivoltaico
  3. Sul terreno oggetto di intervento deve essere garantita la continuità dell’attività agricola e pastorale
  4. L’altezza minima dei moduli fotovoltaici rispetto al suolo deve essere di:

1,3 mt per consentire lo svolgimento di attività zootecnica, oppure se si tratta di moduli in posizione verticale fissa

2,1 mt per consentire l’utilizzo di macchinari funzionali alla coltivazione.

L’accesso agli incentivi del Bando Agrivoltaico avviene attraverso la partecipazione a procedure pubbliche bandite dal GSE distinte in:

  • Registri per tutti gli impianti agrivoltaici fino a 1 MW, aperti a tutti gli operatori agricoli, con esclusione delle ATI di cui all’art. 4 lettera b) del decreto ministeriale del 22/12/2023 (DM Agrivoltaico)
  • Aste per gli impianti agrivoltaici di qualsiasi potenza

Presentazione della domanda

Le domande per il Bando Agrivoltaico possono essere presentate dal 04/06/2024 al 02/09/2024.

Le agevolazioni saranno concesse sulla base di procedura a graduatoria.

Gli impianti risultanti in posizione utile nelle relative graduatorie devono entrare in esercizio entro 18 mesi dalla data di comunicazione dell’esito della procedura, e comunque non oltre il 30/06/2026.

Sei interessato a questa opportunità di finanziamento per la tua azienda?

Richiedi un'analisi gratuita sulla finanziabilità del tuo progetto!

Scopri altri bandi e finanziamenti